INTERFERONE - PER APPROFONDIRE

Benefici, effetti collaterali e qualità degli studi da cui sono presi

Clicca qui per vedere una tabella che riporta i benefici dell'interferone

 

Da dove sono prese le informazioni sui benefici?

Da una revisione sistematica Cochrane

Rice GPA, Incorvaia B,Munari LM, Ebers G, Polman C,D’Amico R, Parmelli E, Filippini G.

Interferon in relapsing-remitting multiple sclerosis. Cochrane Database of Systematic Reviews 2001, Issue 4. Art. No.: CD002002. DOI: 10.1002/14651858.CD002002

 

La revisione rispondeva alla domanda “quali sono gli effetti dell’interferone nelle persone con sclerosi multipla recidivante-remittente?” e ha preso in considerazione 3 studi clinici randomizzati controllati – un tipo di studi che segue la metodologia più robusta disponibile. Gli studi riportavano benefici e danni dell’interferone a due anni. Sul lungo termine non sono stati condotti studi di questo tipo.

 

Se vuoi leggere il riassunto divulgativo in italiano di questa revisione clicca qui.

Se vuoi leggere il riassunto in inglese di questa revisione clicca qui

 

Clicca qui per vedere gli effetti collaterali dell'interferone

 

Da dove sono prese le informazioni sugli effetti collaterali?

Per gli effetti collaterali a lungo termine non sono disponibili revisioni sistematiche.

Per questo gli effetti collaterali sono elencati a partire dalle schede informative sul farmaco prodotte dall’European Medicines Agency (EMA)- Agenzia europea del farmaco – e dai dati della banca dati statunitense Micromedex.

I dati EMA sono aggiornati per Avonex ©e Betaferon© al 2011, per Rebif© al 2012. I dati Micromedex sono aggiornati al 2011.

I dati presi da queste due fonti sono stati poi confrontati con quanto riportato negli studi primari, cioè da singoli studi che valutano gli effetti collaterali dell’interferone.

 

La qualità delle prove

Gli studi valutati nella revisione hanno qualità moderata

In questa revisione sistematica gli autori non hanno condotto una valutazione formale della qualità degli studi considerati. Però, alla luce di alcuni limiti metodologici degli studi, si può dire che la loro qualità è moderata.

Perché?

Gli studi considerati:

• misurano esiti deboli decisi dal neurologo (per es. ricadute o progressione di disabilità fisica)

•non sono “in cieco”: durante lo studio molte persone assegnate al gruppo che assumeva l’interferone (assegnate in cieco, cioè senza sapere se erano nel gruppo di intervento con l’interferone o nel gruppo di controllo con il placebo) hanno scoperto di prendere l’interferone, per la comparsa di effetti collaterali. Il “cieco” è quindi venuto meno. E’ possibile che questo abbia influenzato i risultati degli studi

•hanno un alto numero di persone perse al follow-up, cioè persone che non si sono presentate alle visite di controllo previste e per le quali non è stato più possibile reperire informazioni.

 

Questioni di metodo

 

Cosa significa che la qualità degli studi è moderata per quanto riguarda i benefici su ricadute e progressione di disabilità fisica?

Significa che i benefici mostrati hanno un margine di incertezza dovuto a limiti metodologici degli studi. A oggi però sono le migliori informazioni disponibili sui benefici dell’interferone.

 

Gli studi sugli effetti collaterali a medio-lungo termine sono soprattutto osservazionali

 

Questo tipo di studi permette di osservare nel tempo gli effetti collaterali del farmaco. Sono studi meno robusti rispetto agli studi clinici controllati randomizzati e alle revisioni sistematiche.    

 

Questioni di metodo

Responsabile della pubblicazione: Redazione Progetto IN-DEEP

Ultimo aggiornamento: $dateUtil.getDate($articleDisplayDate, "dd/MM/yyyy", $locale)