Risonanza magnetica - A cosa serve nel corso della malattia - Per approfondire

Cosa conosciamo sui fattori prognostici nella sclerosi multipla?

La malattia ha un decorso variabile da persona a persona e non è semplice per il neurologo formulare una prognosi nei primi anni della malattia. Gli studi che hanno affrontato questo argomento sono numerosi, ma sono diversi e i loro risultati non sempre coincidono. Il neurologo può dare una risposta alla domanda "che cosa mi potrà succedere nei prossimi anni?" utilizzando i risultati degli studi migliori pubblicati negli ultimi anni.

 

Cosa dicono gli studi

  • Dopo un primo attacco sospetto di sclerosi multipla

Un primo attacco con disturbo della vista (neurite ottica) e l'inizio della terapia subito sembrano ridurre il rischio di peggioramento della disabilità per un periodo di circa 5 anni dopo il primo attacco.
La presenza di bande oligoclonali (glossario) sul liquor (esame con puntura lombare) e la presenza di 10 o più lesioni alla risonanza magnetica sono invece associati a un maggiore rischio di peggioramento della disabilità per 5 anni dopo il primo attacco.

  • Dopo la diagnosi di sclerosi multipla recidivante remittente

Avere più attacchi nei primi 2-5 anni di malattia o un numero crescente di lesioni alla risonanza magnetica nei primi 5 anni aumenta il rischio di peggioramento della disabilità.

  • Fattori prognostici che possono modificare l'effetto della terapia

L'età, la durata della malattia, la frequenza degli attacchi, il grado di disabilità e le terapie precedenti sono fattori che possono modificare la risposta alla nuova terapia (modificatori di effetto della terapia - glossario).
La probabilità che la disabilità migliori dopo la terapia dipende dal grado di disabilità, dalla terapia e dalla frequenza degli attacchi. La frequenza di attacchi con la terapia dipende dalla loro frequenza prima della terapia, dall'età e dal decorso della malattia e varia a seconda del farmaco.

 

Le informazioni riportate si basano su studi di coorte.

Responsabile della pubblicazione: Redazione Progetto IN-DEEP

Ultimo aggiornamento: $dateUtil.getDate($articleDisplayDate, "dd/MM/yyyy", $locale)