Città della salute e della ricerca

La città della salute e della ricerca progetto innovativo

La Città della Salute e della Ricerca (CdSR) è un progetto strategico e di grande rilevanza sotto molteplici profili: recupero ambientale, riqualificazione e valorizzazione di aree industriali dismesse (ex Falck di Sesto San Giovanni) secondo il principio del "non consumo di suolo"; in chiave post Expo, vi sono tutti presupposti per la creazione di sinergie con il progetto Human Technopole. L'idea progettuale innovativa (che porta la firma dell'Architetto Renzo Piano) abbandona la tradizionale tipologia architettonica dell'ospedale monoblocco, per una struttura dalle dimensioni più umane (struttura articolata di soli tre piani, alta non più di 18 metri), inserita in un contesto ambientale con prevalenza di aree verdi.

Un grande polo pubblico di ricerca sanitaria di valenza nazionale e internazionale

Istituto Besta e Istituto Tumori diventeranno un sistema pubblico integrato di funzioni complesse e di eccellenza clinica e scientifica a valenza nazionale e internazionale e, al tempo stesso, un punto di riferimento di avanguardia in ambito oncologico e neurologico, al servizio del paziente, in un tessuto urbano oggetto di un grande rinnovamento, che si sta sviluppando nell'ottica della nuova Città metropolitana e che può mettere a disposizione servizi integrati, assistenziali, ricettivi e residenziali, garantendo un elevato grado di accessibilità.

Struttura 135.000 mq di slp, oltre 650 posti letto, aree a verde 55.000 mq, oltre 10.000 alberi

La Città della Salute e della Ricerca costituirà un nuovo complesso sanitario di ricerca clinica e formazione che ricomprenderà due grandi eccellenze sanitarie pubbliche, la Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori e la Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta. La struttura sanitaria avrà una superficie lorda di pavimento (slp) di circa 135.000 mq e potrà ospitare fino a 650 posti letto, oltre ai 50 posti letto destinati all'albergo sanitario. Ci sarà un parcheggio interrato di 24.000 mq, un’area esterna a verde di 55.000 mq con oltre 10.000 alberi ed un parco urbano di 77.000 mq. La realizzazione della Città della Salute e della Ricerca sarà attuata dalla Regione Lombardia per attraverso la propria società controllata Infrastrutture Lombarde SpA, (stazione appaltante).

Sperimentazioni tecnologiche

La Città della salute e della ricerca sarà dunque un grande polo di ricerca clinica pubblico, realizzerà importanti sinergie con la rete ospedaliera esistente nel quadrante nord-est e coniugherà un insieme di servizi integrati che pongono al centro la persona e la capacità di favorire innovazione nella ricerca clinica avanzata. L'integrazione tra i due istituti consentirà, infatti, di implementare sperimentazioni tecnologiche specifiche: la piastra di diagnosi e cura (che sarà tra le più grandi nel nostro Paese), i laboratori di ricerca traslazionale, i blocchi interventistici.

Accessibilità e spazi dedicati a pazienti e parenti

l progetto prevede anche la predisposizione di spazi dedicati all'accoglienza dei pazienti e dei loro parenti, il che si rende necessario tenendo conto che già adesso oltre il 50 per cento delle persone che utilizzano le cure fornite dagli Istituti Besta e Tumori provengono da fuori Regione. L'area di Sesto San Giovanni offre un'ottima accessibilità per i mezzi privati e per i mezzi pubblici, sia locali (metropolitana, linee di superficie, autobus area urbana e provinciale) sia sovra locali (linee ferroviarie e sistema aeroportuale) e accesso diretto al sistema autostradale (svincolo sulla tangenziale Nord), con ampia disponibilità di aree da dedicare a parcheggi per il personale sanitario, ricercatori, pazienti e visitatori.
Quadro economico dell’intervento

Il costo complessivo per la realizzazione della Città della Salute e Ricerca è di 450 milioni di euro di cui 380 milioni attraverso finanziamenti pubblici e 80 milioni attraverso contributo del concessionario così suddivisi:

  • 328 milioni di euro Regione Lombardia;
  • 40 milioni di euro Ministero della Salute;
  • 2 milioni di euro Istituto IRCCS Besta;
  • 80 milioni di euro Concessionario

 

I PASSAGGI E IL CRONOPROGRAMMA

Protocollo d'Intesa per la realizzazione della Città della Salute e Ricerca nel Comune di Sesto san Giovanni.- L'atto è stato stipulato il 10 gennaio 2013 da Regione Lombardia e Comune di Sesto San Giovanni.           

Accordo di Programma - L'Accordo di Programma tra Ministero della Salute, Regione Lombardia, Comune di Sesto San Giovanni, Fondazione IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta, Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori sottoscritto il 30 luglio 2013 e con l'adesione di Infrastrutture Lombarde SpA prevede una nuova sede per gli Istituti Nazionale Tumori e Neurologico Besta per la creazione di un polo di ricerca sanitaria pubblica che valorizza l'esperienza degli IRCCS. L'ambito territoriale oggetto dell'Accordo di Programma si estende su un'area ricadente nel territorio del Comune di Sesto San Giovanni, avente estensione pari a circa 205.000 mq e compresa nel Comparto Unione delle aree industriali dismesse ricomprese nel perimetro del PII "Aree Ex Falck e Scalo ferroviario" (1.400.000 mq).

Conclusione della bonifica - La Città Metropolitana di Milano ha certificato il 28 giugno scorso l'avvenuta bonifica dell'ultimo lotto (Scalo ferroviario ex RFI). Gli interventi in capo al Comune di Sesto San Giovanni, sono stati realizzati da Milanosesto SpA (soggetto attuatore del PII ex Falck). I costi ammontano ad oltre 80 milioni di euro.

Trasferimento della proprietà delle aree alla regione - Con la stipula dell'atto notarile il 31 luglio 2018 è stata trasferita la proprietà delle aree di Città della Salute e della Ricerca dal Comune di Sesto San Giovanni alla Regione Lombardia e per questa in proprietà indivisa alle Fondazioni IRCCS Istituto Neurologico Carlo Besta e Istituto Nazionale dei Tumori.

Progettazione ed esecuzione dei lavori - A giugno 2017 è stata aggiudicata definitivamente al raggruppamento di imprese, avente come mandataria la società Condotte Spa, la gara per l'affidamento del contratto di concessione per la progettazione definitiva ed esecutiva e la realizzazione della Città della Salute e della Ricerca nel Comune di Sesto San Giovanni. Si è in attesa della sentenza del Consiglio di Stato sul ricorso presentato da un altro concorrente per procedere alla firma del contratto. Da quel momento si prevede che abbiano inizio la progettazione e i lavori, che si concluderanno nel 2023.

Responsabile della pubblicazione: Redazione Web

Ultimo aggiornamento: 06/11/2018