I CENTRI PER LA CURA DELL’EPILESSIA DEGLI ADULTI DELLA FONDAZIONE BESTA RICONFERMATI UN’ECCELLENZA NAZIONALE

I CENTRI PER LA CURA DELL’EPILESSIA DEGLI ADULTI DELLA FONDAZIONE BESTA RICONFERMATI UN’ECCELLENZA NAZIONALE

05 maggio 2022

Notizia

I CENTRI PER LA CURA DELL’EPILESSIA DEGLI ADULTI DELLA FONDAZIONE BESTA RICONFERMATI UN’ECCELLENZA NAZIONALE

La Lega Italiana Contro l’Epilessia (LICE) ha convalidato il riconoscimento di 2° livello per il Centro Chirurgico diretto dal dottor Marco de Curtis e di 3° livello per il Centro di Epilettologia Medica Adulti diretto dal dottor Giuseppe Didato. In attesa di attestazione anche il Centro di Epilettologia Pediatrica diretto dalla dottoressa Tiziana Granata.

 

Il centro chirurgico e quello di epilettologia medica della Fondazione Besta hanno ottenuto il riconoscimento di 2° e 3° livello dalla Lega Italiana Contro l'Epilessia (LICE) per i prossimi tre anni: l’attestazione certifica l’alta specializzazione dei centri in ambito nazionale, sia per servizi offerti ai pazienti sia per la qualità delle cure e per il volume di attività.

Ogni tre anni la LICE valuta tutti i centri epilessia italiani per verificarne il livello di prestazioni e di attivitàspiega il dottor Marco de Curtis, direttore della UOC Neurologia 7 - Epilettologia Clinica e Sperimentale -. In Italia ci sono pochi centri per l’attività chirurgica: il nostro, che negli ultimi dieci anni è stato sostenuto e finanziato dalla Regione Lombardia e dall’Associazione Paolo Zorzi per le Neuroscienze,  è stato riconosciuto come centro di 2° livello sia per la qualità del personale dedicato, sia per i volumi di attività chirurgica”.

 “Il trattamento chirurgico dell’epilessia è risolutivo nel 70-80% dei casi. Questo fa sì che il paziente non abbia più crisi né deficit aggiuntivi: non solo starà meglio ma non sarà più a carico del Sistema Sanitario Nazionale – aggiunge il dottor de Curtis. Nella Unità Operativa sono inoltre attivi un ambulatorio di  visite multidisciplinari neurologiche e neurochirurgiche e un Day Service per pazienti chirurgici a diversi tempi dopo l’intervento chirurgico, per una presa in carico di circa 300 pazienti sottoposti alla chirurgia dell’epilessia”.

Il centro di epilettologia medica dell’adulto ha ottenuto invece il riconoscimento di 3° livello, il più alto: “è il frutto di un’attività trentennale nel nostro Istituto – approfondisce il dottor Giuseppe Didato, Neurologo della UOC Neurologia 7-. Il riconoscimento viene assegnato in base ai volumi di attività ambulatoriale e diagnostica di alto livello e di attività di ricovero con monitoraggi videoEEG prolungati dedicate ai pazienti con epilessia. Inoltre la Regione Lombardia ha identificato il nostro ospedale tra i centri regionali di riferimento per l’epilessia”.

I numeri di prestazioni delle due unità mostrano l’alto volume di attività: sono circa 3mila i pazienti adulti  che accedono ai due Centri e le visite totali annuali sono circa duemila; 3700 gli esami diagnostici e 150  pazienti ricoverati l’anno – prosegue il dottor Didato -.  Dall’esordio della pandemia è diventato essenziale il servizio di telemedicina, con 178 visite dedicate ai pazienti ed un centinaio di visite di supporto psicologico”.

Il Besta, a livello regionale, oltre che punto di riferimento, è il primo centro per l’epilessia, in cordata con l’Ospedale Niguarda e l’Ospedale San Paolo, insieme ai quali forma un Dipartimento Interaziendale Epilettologico.

ultime notizie
Responsabile della pubblicazione: Ufficio Stampa
Ultimo aggiornamento: 05/05/2022